di Mario Costantino Triolo

 

Che ne dite di un bel tuffo nel passato, un flashback sulla moda di un tempo e più precisamente negli anni ‘70 quando il glamour imperversava ovunque, la felicità e la spensieratezza erano un modo di essere. Essere sempre se stessi nel bene e nel male.

Per una sera in discoteca che look scegliere? Il glamour più puro, fatto di paillettes e grandi abiti stampe floreali, effetto jungla power, oppure figlia dei fiori, effetto green power? In tutti e due i casi la tendenza è centrata, il mood jungla power in effetti spopola sulle passerelle, una regina della giungla metropolitana, con maxi abiti, essere over, abiti svolazzanti che fluttuano nelle città portando una ventata di colore, una donna che attraversa la città con abiti impalpabili, freschi per trasformarsi la sera nella regina della disco.

Per chi si sente invece “green power” ora è il momento di essere green più che mai. Ma come? Vestendosi ethical, sostenibile, appunto green, in rispetto dell’ambiente. Una tendenza oramai che sta diventando sempre più certezza; brand che nascono proponendo i loro capi proprio nella direzione dell’eco-sostenibilità, zero maltrattamenti, zero tessuti chimici. Appunto ECO.

Una figlia dei fiori moderna, con gli immancabili panta a zampa, che ritornano in auge.

Entrando in una discoteca glamour ricorda di dire che sei vestita ethical: ti assicuro ora è diventato uno status-symbol e rigorosamente jungle style.